COME FANNO A PRIVATIZZARE TUTTO: IL SACCO DELLA GERMANIA DELL’EST – Vladimiro Giacchè

Pubblicato in Documenti, Economia & Finanza, Germania, Privatizzazioni, Propaganda | Lascia un commento

Cronologia della crisi 2007–2012: come la shock-terapia dell’euro fu introdotta in europa – di federiconero

Una pregevole ricostruzione della crisi, dal suo primo inizio negli USA alla pesante ricaduta nell’Eurozona, che mostra in maniera precisa e puntuale  come  la ricetta della shock economy è stata applicata con successo anche in Europa, la culla dello stato sociale  che doveva essere smantellata per lasciar spazio a un capitalismo assoluto senza freni.

di Mario D’Aloisio per Kappa di Picche

Risultati immagini per shock-terapia dell’euro

La storia dell’euro è inizialmente quella di un accumulo spropositato di debito privato, soprattutto estero, nei paesi investiti dal fenomeno del credito facile, il preludio all’esplosione di una bomba ad orologeria.
Credito per lo più tedesco e francese, elargito senza problemi, dietro la garanzia del cambio fisso, quello che non si svaluta ed assicura il creditore. Ma per il “sudden stop”, l’arresto improvviso del flusso di capitali, era solo una questione di tempo.

In molti ne avevano pregustato gli effetti disastrosi che avrebbero reso il politicamente impossibile, di friedmaniana memoria, politicamente inevitabile. Sicché, quando Lehman Brothers saltò per l’aria, portandosi dietro le banche di mezzo mondo, la shockterapia dell’euro ebbe modo di consolidarsi nella sua accezione più devastante e fulminea.

Passi rapidi, anzi rapidissimi, che colsero di sorpresa milioni di cittadini europei. Di lì a poco l’Europa non sarebbe stata più la stessa. Poco dopo i primi crolli di borsa, le banche congelarono infatti tutti i crediti, per tentare di mantenere la loro solvibilità. L’economia mondiale si interruppe bruscamente. Il momento tanto atteso era arrivato. In Europa i capi di governo di Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia si incontrarono a Berlino assieme ai Presidenti di Commissione europea, Eurogruppo e BCE per trovare una soluzione coordinata alla crisi bancaria. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, Debito, Deregolamentazione, Documenti, Economia & Finanza, Euro, Europa, FMI, Neoliberismo, Privatizzazioni, Sistema bancario | Lascia un commento

“I mercati insegneranno agli italiani come votare”. Parola di commissario “tetesco”

Risultati immagini per Gunther Oettinger

Non fosse bastato il colpo di Sergio Mattarella, ora intervengono direttamente i boss della Commissione Europea a spiegare che non solo “la sovranità” appartiene ormai ai mercati globali, ma anche il diritto di voto individuale deve essere reimpostato integralmente.

A spiegarlo – secondo quanto anticipa su Twitter il giornalista Bernd Thomas Riegert, che ha intervistato il Commissario Ue a Strasburgo per l’emittente Dwnews – è il commissario europeo al Bilancio, non a caso tedesco, Gunther Oettinger: “I mercati insegneranno agli italiani a votare nel modo giusto“. Ossia come dicono loro, altrimenti non vale più…

Nel suo delirio di onnipotenza come portavoce dei “mercati” – con cui intrattiene probabilmente rapporti continui, vista la straripante presenza di lobbisti legali a Bruxelles e Strasburgo – Oettinger si lascia addirittura sfuggire i dettagli di una strategia intenzionale concordata tra Unione Europea e “mercati”: “Lo sviluppo negativo dei mercati porterà gli italiani a non votare più a lungo per i populisti“. E’ bene sapere che in questo termine, a Bruxelles, si identificano sia alcuni partiti di destra, sia o forse soprattutto quelli di sinistra, a cominciare dalla sempre più forte France Insoumise, capace di raggiungere il 10,6% alle elezioni presidenziali ed essere al centro delle mobilitazioni popolari contro Macron che stanno scuotendo la Francia da oltre un mese.

E ancora: «Le regole sono chiarissime: i criteri del nuovo indebitamento e dei debiti complessivi vanno rispettate. Se questo non accade ci saranno colloqui molto seri. Anche il governo greco alla fine si è attenuto ai diritti e ai doveri dell’eurozona». Poi, in serata, nell’orgia di “precisazioni” messa in moto dai vertici europei e dal sistema dei media, ha chiosato con ancora maggiore puntualità: “La mia preoccupazione, la mia speranza, è che nelle prossime settimane l’andamento negativo dei mercati, dei titoli di Stato e dell’economia italiana in generale, possano essere così incisivi da fornire un’indicazione per gli elettori di non votare i partiti populisti di destra e di sinistra.” Continua a leggere

Pubblicato in Agenzie di rating, Autori, Corporation, Debito, Deregolamentazione, Economia & Finanza, Euro, Europa, FMI, Italia, Neoliberismo, Privatizzazioni, Sistema bancario | Lascia un commento

Sul sapere…

Risultati immagini per Aristotele

“Noi reputiamo di sapere, solo quando siamo riusciti a discernere le cause.“

Aristotele

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

0:04 / 1:14:54 Paolo Savona :”Questa Europa deve cambiare”.

Una conferenza stampa mondiale di un ministro colto e competente costretto a ripetersi spesso di fronte all’ignoranza dei propri interlocutori.

Pubblicato in Debito, Economia & Finanza, Euro, Europa, Italia, Media, Neoliberismo, Politica, Sistema bancario, Video | Lascia un commento

I terroristi del MEK agenti degli Stati Uniti – di Tony Cartalucci

 Risultati immagini per I terroristi del MEK

Nel 2012, il dipartimento di Stato degli Stati Uniti eliminò il gruppo terrorista anti-iraniano Mujahedin-e Khalq (MEK) dalla sua lista delle organizzazioni terroristiche straniere (FTO). Eppure anni dopo, il MEK dimostra il desiderio ardente di attuare violenze politiche su scala da eclissare le precedenti atrocità per cui fu designata organizzazione terroristica. Nella dichiarazione ufficiale del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, pubblicata nel settembre 2012, la logica della rimozione dal MEK fu: “Con le azioni di oggi, il dipartimento non trascura o dimentica i passati atti di terrorismo del MEK, incluso il coinvolgimento nell’uccisione di cittadini statunitensi in Iran negli anni ’70 e l’attacco sul suolo statunitense nel 1992. Il dipartimento ha anche serie preoccupazioni sul MEK come organizzazione, in particolare sulle accuse di abuso commesse contro i propri membri. La decisione del segretario oggi prende in considerazione la rinuncia pubblica alle violenze del MEK, l’assenza di atti confermi al terrorismo da parte del MEK da oltre un decennio e loro cooperazione nella chiusura pacifica di Campo Ashraf, loro storica base paramilitare”. Tuttavia, la politica precedente del dipartimento di Stato, e gli eventi da allora, dimostrano che la logica per rimuovere il MEK dal FTO sia una falso intenzionale, il MEK era ed è tuttora impegnato nelle violenze politiche contro il popolo iraniano, e immagina un conflitto libico-siriano per dividere e distruggere la nazione iraniana. Tuttavia, i fatti riguardanti la vera natura del MEK non provegono dai media iraniani o da accuse formulate dagli oppositori del MEK a Teheran, ma dagli stessi sponsor statunitensi del MEK e persino dalla sua stessa leadership. Continua a leggere

Pubblicato in Conflitti, Gran Bretagna, Iran, Stati Uniti, Tony Cartalucci | Lascia un commento

Madame Lagard ospite del re sega-giornalisti. Ma non è contro i valori UE? – di Maurizio Blondet


Risultati immagini per madame lagarde

La Lçagarde ci ha richiamato severa: “«La nostra posizione sull’Italia è abbastanza ben conosciuta: l’Italia deve continuare il consolidamento fiscale e ci aspettiamo che tutti i Paesi membri della Ue ne rispettino le regole», dicendosi urtata  dalle maniere: “ci sono preoccupazioni su quello che è stato detto, piuttosto che su ciò che è stato fatto”.  Ha proprio ragione Eugenio Scalfari:

Ora, se   con tanta severità la signora Lagarde si esprime verso  un paese europeo fondatore per aver sforato “le regole” europee, figuratevi quello che dirà al principe Salman. Non vorrei essere nei suoi panni, povero principe, quando sentirà la sfuriata della Normatrice  Assoluta. Continua a leggere

Pubblicato in Arabia Saudita, Economia & Finanza, Euro, FMI, Italia, Sistema bancario | Lascia un commento

UNISEX: LA VIA PER L’INDIVIDUO SENZA IDENTITA’ – di Michele Putrino

Risultati immagini per UNISEX

È notizia di queste ore che a New York, a partire da questo periodo, i genitori dei neonati potranno scegliere di far scrivere sul certificato di nascita di questi ultimi, invece di “maschio” o “femmina”, la dicitura “Gender X”. Questa è solo l’ultima follia di una ideologia che sempre più si sta affermando nelle istituzioni. In pochi hanno il coraggio di denunciare questa situazione; e quei pochi che questo coraggio lo hanno, sono violentemente attaccati e messi alla pubblica gogna. Una situazione di cui tutti dovete prendere coscienza: ne vale del vostro futuro e di quello dei vostri figli. Esiste un libro “speciale” in Italia dal titolo UNISEX e con sottotitolo “Cancellare l’identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale” pubblicato da Arianna Editrice. Gli autori sono la giornalista Enrica Perucchietti e lo scrittore Gianluca Marletta. Perché questo libro è “speciale”? Perché è uno dei pochissimi libri esistenti che denunciano la così detta “ideologia gender” non tramite un altro credo dogmatico, bensì attraverso una vera e propria inchiesta molto documentata. A ogni affermazione, infatti, viene sempre riportata la documentazione e le fonti verificabili. Continua a leggere

Pubblicato in Controllo demografico, Infanzia, Poteri forti, Propaganda, Società, Stati Uniti, Teoria del Genere | Lascia un commento

La paura…

Risultati immagini per Platone

Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio. La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce.

Platone

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

SIAMO NELLA BOCCA DELLA TIGRE – Valerio Malvezzi

Pubblicato in "detto fuori dai denti", Agenzie di rating, Economia & Finanza, Euro, Europa, FMI, Italia, Media, Neoliberismo, Sistema bancario, Video | Lascia un commento