Per il voto su Gerusalemme, gli USA minacciano sanzioni contro quasi tutto il mondo – di Peter Korzun

 

Risultati immagini per Assemblea ONU USA

Nikki Haley, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, aveva avvertito che avrebbe preso i nomi dei paesi che votavano per criticare gli Stati Uniti. Secondo lei, il voto dell’UNGA non influenzerà la decisione di Washington su Gerusalemme. Ha ricordato agli Stati membri delle Nazioni Unite i generosi contributi degli Stati Uniti all’organizzazione e ha affermato che gli Stati Uniti si aspettano che la sua volontà venga rispettata in cambio. Ha anche notato che il voto sarà ” ricordato ” dagli Stati Uniti e ” farà la differenza su come gli americani guardano le Nazioni Unite “.

Prima del voto, il presidente Trump aveva minacciato di tagliare gli aiuti finanziari ai paesi che hanno votato a favore. ” Lascia che votino contro di noi “, ha detto. ” Risparmieremo molto. Non ci interessa. Ma questo non è come un tempo quando potevano votare contro di te e poi li paghi centinaia di milioni di dollari … Non ne trarremo vantaggio più. ”

Quindi, ecco l’essenza della posizione di Washington sulla questione – non si preoccupa di quello che pensa la stragrande maggioranza delle nazioni. Se gli Stati Uniti fanno qualcosa che contraddice il diritto internazionale, allora così sia. Ma la legge internazionale viene ricordata quando le altre nazioni fanno qualcosa che gli Stati Uniti non approvano. ( Un evidente doppio pesismo).

Il 21 dicembre, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) ha votato a stragrande maggioranza in favore di una risoluzione che invitava gli Stati Uniti a revocare la propria decisione di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Un totale di 128 paesi hanno votato per la risoluzione, con nove paesi che hanno votato contro e 35 si sono astenuti. 21 nazioni non si sono presentate per il voto. Grandi alleati come Regno Unito, Francia, Germania e Giappone hanno votato a favore della risoluzione, sebbene alcuni alleati, come Australia e Canada, si siano astenuti.

Gli Stati Uniti erano l’unica potenza globale ad opporsi alla risoluzione.

L’elenco degli oppositori includeva solo lo stesso Israele , quattro stati dell’Oceania, che dipendono dagli Stati Uniti, e diversi paesi dell’America Latina, come il Guatemala, Panama ed altri stati vassalli degli USA. David Harris, l’amministratore delegato del Comitato ebraico americano, ha detto di essere ” costernato dallo schiacciante sostegno degli Stati membri delle Nazioni Unite per la risoluzione dell’Assemblea generale che condanna il riconoscimento fatto dagli Stati Uniti di Gerusalemme come capitale di Israele “.

Per fare un confronto, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato il 19 dicembre a sostegno di una risoluzione sulla situazione dei diritti umani in Crimea. 70 paesi hanno votato a favore (rispetto a 128 in caso di voto a Gerusalemme), 26 hanno votato contro e 76 si sono astenuti. A differenza del voto di Gerusalemme, questo risultato è evidentemente poco convincente. La maggioranza dei membri delle Nazioni Unite 193 non ha appoggiato la risoluzione che condanna la Russia.

Nikki Haley, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, aveva avvertito che avrebbe preso i nomi dei paesi che votavano per criticare gli Stati Uniti. Secondo lei, il voto dell’UNGA non influenzerà la decisione di Washington su Gerusalemme. Ha ricordato agli Stati membri delle Nazioni Unite i generosi contributi degli Stati Uniti all’organizzazione e ha affermato che gli Stati Uniti si aspettano che la sua volontà venga rispettata in cambio. Ha anche notato che il voto sarà ” ricordato ” dagli Stati Uniti e ” farà la differenza su come gli americani guardano le Nazioni Unite “.

Prima del voto, il presidente Trump aveva minacciato di tagliare gli aiuti finanziari ai paesi che hanno votato a favore. ” Lascia che votino contro di noi “, ha detto. ” Risparmieremo molto. Non ci interessa. Ma questo non è come un tempo quando potevano votare contro di te e poi li paghi centinaia di milioni di dollari … Non ne trarremo vantaggio più. ”

Quindi, ecco l’essenza della posizione di Washington sulla questione – non si preoccupa di quello che pensa la stragrande maggioranza delle nazioni. Se gli Stati Uniti fanno qualcosa che contraddice il diritto internazionale, allora così sia. Ma la legge internazionale viene ricordata quando le altre nazioni fanno qualcosa che gli Stati Uniti non approvano. ( Un evidente doppio pesismo).

 

Quando l’UNGA ha votato contro Mosca, Washington ha sottolineato la necessità di rispettare ed attenersi all’opinione della “comunità internazionale”. Il Dipartimento di Stato cita le risoluzioni delle Nazioni Unite nelle sue dichiarazioni per condannare Mosca. L’ex presidente Barack Obama ha fatto riferimento alla risoluzione dell’UNGA del 2014 in Crimea per chiedere “isolamento” della Russia sulla scena internazionale. Ora, quando gli Stati Uniti hanno subito una sconfitta schiacciante all’UNGA, insistono sul loro diritto di fare tutto ciò che ritengono giusto e di non preoccuparsi di ciò che il mondo dice. Questo è un perfetto esempio di doppio standard.

La minaccia di tagliare gli aiuti ad altri paesi fa parte di una tendenza più ampia. Le misure punitive finanziarie ed economiche sono diventate uno strumento di politica estera per fare pressioni sulla Russia, l’Iran, la Corea del Nord e molti altri paesi. La diplomazia hard-power è data una priorità rispetto alla diplomazia soft power. Questa politica è stata oggetto di dure critiche alle Nazioni Unite recentemente.

L’amministrazione Trump ha annunciato comunque l’intenzione di tagliare gli aiuti esteri . Il presidente ha una significativa libertà legale per farlo. La domanda è, chiuderà partner strategici, come l’Egitto, la Giordania, l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti, che hanno votato per la risoluzione, potranno questi essere inclusi nella lista delle nazioni da punire? Quest’anno il Congresso ha respinto i tagli agli aiuti proposti nella richiesta di budget del Dipartimento di Stato. I livelli di aiuti per la Giordania , l’Egitto, la Tunisia e il Marocco dovrebbero rimanere “ai livelli attuali o superiori”. La preponderanza degli aiuti americani verso il Medio Oriente e il Nord Africa è destinata all’acquisto di attrezzature militari di fabbricazione statunitense.

 

Washington elogia l’ONU quando serve ai suoi interessi, ma non è un segretro che lOrganizzazione negli USA è vista come antiamericana, inefficiente e corrotta. Questo sentimento si è andato diffondendo da diverso tempo.

Washington ha già annunciato il suo ritiro dall’Unesco e dal Consiglio per i diritti umani. Il disegno di legge , proposto dal rappresentante Mike Rogers (R-AL), dal titolo American Sovereignty Restoration Act del 2017, cerca un completo ritiro degli Stati Uniti dall’ONU. Dice che l’organismo internazionale dovrebbe rimuovere la sua sede da New York. Rogers e altri repubblicani di spicco, come Rand Paul (R-KY), ritengono che i soldi dei contribuenti statunitensi non dovrebbero andare a un’organizzazione che non promuove gli interessi degli Stati Uniti. Come disse il senatore Paul , ” non mi piace pagare per qualcosa che i paesi del Terzo Mondo senza libertà ci attaccano e si lamentano degli Stati Uniti … Ci sono molte ragioni per cui non mi piacciono le Nazioni Unite, e penso che io sarei felice di dissolverle. ” Con Donald Trump al potere, molti repubblicani sembrano attaccare l’idea dell’adesione delle Nazioni Unite o tagliare i finanziamenti con rinnovato vigore. Le voci che si sono sollevate per chiedere l’abbandono dalle Nazioni Unite si sono udite molto forti. Lo stesso Donald Trump ha paragonato l’ONU come “un Club dove le persone (i delegati)  si possono riunire parlare ed avere un buon tratamento”.

La reazione degli Stati Uniti al voto di Gerusalemme dimostra il loro disprezzo per l’opinione pubblica internazionale. Quasi isolato, Washington ricorre a minacce contro quasi tutto il mondo. Questo è qualcosa di veramente nuovo nella politica mondiale.

Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Fonte:https://www.controinformazione.info/per-il-voto-su-gerusalemme-gli-usa-minacciano-sanzioni-contro-quasi-tutto-il-mondo/

Questa voce è stata pubblicata in Israele, Medio Oriente, ONU, Stati Uniti. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento