Cala il sipario finale sul secolo americano – di Wayne Madsen

Risultati immagini per Trump mostra l'ordine esecutivo firmato da lui

Trump mostra l’ordine esecutivo firmato da lui

La Storia mostrerà che gli Stati Uniti, più di un decennio dopo essere stati guidati dai falchi neo-cons rabbiosi che hanno immerso il paese in conflitti costosi e sconsiderati come in Afghanistan e in Iraq, hanno assistito al sipario finale calato sulla loro guerra fredda per l’”American Century”. L’inaugurazione di Donald Trump, che agisce più come facevano gli imperatori romani ,Caligola o Nerone, che come un statista americano, sta accelerando la fase finale nel gioco di palcoscenico della Pax Americana.

I leaders del mondo stanno approfittando della disfunzionalità della politica estera statunitense per avanzare la loro richieste, mentre l’America è preoccupata con quello che il Segretario di Stato Rex Tillerson ha chiamato un idiota, il senatore senatore Bob Corker, presidente del comitato per le relazioni esterne, ha indicato Trump come “un bambino che ha bisogno di assistenza” da un adulto , e il governo nordcoreano lo ha definito come un vecchio rincitrullito nell’ufficio ovale.

Il capitolo finale del secolo americano ha messo in scena dei leader problematici come il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il leader nordcoreano Kim Jong Un, il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, il re Salman Saudita e il re Morocco Mohammed VI con l’incoraggiamento a svolgere le proprie agende in assenza di una direzione dell’America nella frammentata mappa geo-politica.

Trump ha esternalizzato la politica americana in Medio Oriente in primo luogo a Israele, con l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti che agiscono come animatori per gli israeliani. Il primo indizio che Trump porterà la politica di Medio Oriente a Israele è venuto con la sua nomina del sionista anti-palestinese David Friedman come ambasciatore statunitense in Israele. A quello è seguita la nomina fatta daTrump del suo genero pro-Likud , Jared Kushner, come inviato speciale in Medio Oriente. Il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu, amico della famiglia Trump dagli anni Ottanta, ha approfittato di un Dipartimento di Stato impotente per annettersi altre terre occupate da israeliani in Cisgiordania, in violazione di numerose risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Netanyahu è anche un amico stretto di Kushner e di suo padre Charles Kushner.

In soli pochi giorni, Trump ha portato avanti due atti che non erano nell’interesse americano, ma erano stati sollecitati da Netanyahu. Questi atti sono stati il ​​ritiro degli Stati Uniti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), perché Trump la considerava troppo eccessivamente anti-israeliana e la denuncia ufficiale di Trump del piano comune d’azione complessivo P5 + 1 su JCPOA il programma nucleare iraniano. In precedenza, Trump ha cessato la partecipazione dell’America all’Accordo del Clima di Parigi, rendendo gli Stati Uniti l’unico soggetto internazionale nel rifiutare l’accordo.

L’eclisse dell’influenza statunitense sulla scena mondiale ha visto che molti leader mondiali iniziano ad approfittare della situazione contro Washington, confrontandosi direttamente con gli Stati Uniti o con il rinnegare i trattati e gli accordi internazionali. Trump, che ha fatto smantellare i trattati internazionali con la sua borsa del commercio, pone un cattivo esempio per altri leader per uscire da accordi e dai patti di lunga data.

Forse nessun altro leader ha tratto vantaggio, dalla politica estera americana e dalle turbolenze militari, più di Erdogan presidente della Turchia. L’anno scorso il governo dittatoriale di Erdogan ha arrestato il pastore protestante americano Andrew Brunson su accusa di essere coinvolto nel tentativo di colpo di stato contro il governo di Erdogan nel 2016. Erdogan ha tentato di scambiare Brunson per Gulen, un uomo d’affari e un clerico miliardario che vive sotto asilo politico ufficiale in Pennsylvania. La richiesta di Erdogan non è stata accettata, quindi, come nel caso dei bulli, ha afferrato un altro ostaggio, Metin Topuz, un impiegato turco del consolato generale statunitense a Istanbul. Il governo di Erdogan, insoddisfatto dell’inattività dell’America su Gulen, ha arrestato un secondo impiegato del Consolato generale degli Stati Uniti, insieme alla moglie e al figlio.


Erdogn Presidente Turchia

Gli Stati Uniti hanno reagito sospendendo il rilascio di tutti i visti per i non immigrati destinati ai cittadini turchi che desiderano entrare negli Stati Uniti. Erdogan ha ordinato agli uffici consolari turchi negli Stati Uniti di fare lo stesso con le domande di visto statunitensi per iviaggiare in Turchia. Erdogan ha comunque ordinato l’arresto di una mezza dozzina di cittadini turco-americani sulla base di analoghe accuse di complicità nel colpo di stato del 2016 e di essere connessi all’organizzazione di Gulen.

Il governo Kim Jong Un della Corea del Nord si è impegnato in una guerra di parole con Trump dopo che il presidente degli Stati Uniti ha invitato a chiamare il leader coreano come un “rocket man” (uomo missile) nei suoi in tweets e prima dell’assemblea generale delle Nazioni Unite. La Corea del Nord, che misura gli attacchi di Trump sull’accordo sugli armamenti nucleari JCPOA con l’Iran, non ha alcun desiderio di raggiungere un accordo nucleare con nessuno dopo aver testimoniato che nessun accordo che sottoscrivono gli Stati Uniti vale la carta su cui è stampato. È anche degno di nota che la Corea del Nord ha firmato l’Accordo sul Clima di Parigi, un accordo a cui che Trump ha rinunciato.

Guasti simili nel diritto internazionale stanno apparendo in tutto il mondo per la preoccupazione di Washington circa un presidente considerato, anche dai più vicini aiutanti militari e  per la sicurezza nazionale, di essere troppo mentalmente squilibrato per affidargli la custodia dei codici di lancio nucleare. L’Ucraina, incoraggiata dalle promesse di alcuni partiti dell’amministrazione di Trump di ricevere armamenti letali statunitensi, si è allontanata dagli accordi del Quartetto della Normandia di Minsk tra Russia, Ucraina, Francia e Germania, stipulato per la cessazione delle ostilità nell’Ucraina orientale. Dopo aver assistito al comportamento di Trump, per il quale gli accordi internazionali si trasformano in carta igienica, il presidente dell’Ucraina Petro Poroshenko, presidente di una oligarchia che comprende i ricchi ucraini legati alle organizzazioni criminali di Trump e Kushner, non vede alcuna ragione per adempiere agli accordi presi con la Russia lavorando attraverso le sedi diplomatiche di Francia, Germania e Bielorussia.

Anche se la Corte europea di giustizia ha stabilito l’anno scorso che il Marocco non poteva pretendere il territorio controverso del Sahara Occidentale, riconosciuto come stato indipendente da 40 nazioni, il Marocco sta rinnegando l’accordo su un referendum per il Sahara Occidentale sull’indipendenza. Con Trump, riferendosi all’ONU come esercizio di burocrazia e di cattiva gestione, il re Mohammed del Marocco si sente incoraggiato a ignorare le ripetute risoluzioni ONU sul Sahara Occidentale.

Prendendo una pagina da Re Mohammed, il primo ministro colpito dallo scandalo di Papua, n Nuova Guinea, Peter O’Neill, sta riconsiderando la realizzazione di un referendum di indipendenza del Bougainville prima del 2020. Un referendum è garantito dall’Accordo di pace di Bougainville del 2001 approvato dall’ONU. il referendum, se accettato, richiederebbe alla Papua Nuova Guinea di concedere l’indipendenza a Bougainville.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha anche lui mostrato l’intenzione di voler violare l’accordo di Noumea del 1998, che prevede un referendum sull’indipendenza per la sua colonia sud-occidentale della Nuova Caledonia, che si terrà prima del novembre 2018. La Francia sembra incline a incitare altri cittadini francesi a spostarsi in Nuova Caledonia, in anticipo rispetto al sondaggio, per assicurare il voto “no” nel referendum.

Il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, erede politico del dittatore fascista spagnolo Francisco Franco, sta minacciando di imporre una diretta regola di sospensione dell’autonomia della Catalogna, che meditava la secessione, con l’approvazione annuale dell’Unione europea. Una tale mossa avrebbe sospeso le istituzioni di autogoverno della Catalogna, un ritorno alla politica di Franco verso la Catalogna.

L’Arabia Saudita, con l’incoraggiamento di Trump, ha portato un boicottaggio economico e di trasporto del Qatar, che viola diversi accordi internazionali, tra cui la Carta delle Nazioni Unite. I Sauditi persino pensarono di abbattere un jet jumbo di passeggeri Qatar Airways, sostenendo di aver violato lo spazio aereo saudita. Gli Emirati Arabi Uniti hanno apparentemente innescato la crisi di Qatar, incidendo l’agenzia di stampa Qatar e inserendo una storia che ha citato l’emir del Qatar per essere critico del re saudita. Più tardi si è rivelato che Israele era coinvolto nell’attacco di una delle sue organizzazioni di lobbying a Washington, la Fondazione neo-con per la difesa delle democrazie. I Sauditi hanno inoltre preso pressione su piccoli Djibouti, nel Corno d’Africa, per espellere 500 militari per il mantenimento della pace del Qatar che sorvegliano il confine di Djibouti-Eritrea.

Lo smantellamento di accordi internazionali in tutto il mondo viene seguito con preoccupazione dall’America con un presidente instabile e che dimostra il suo disprezzo per accordi internazionali. Le azioni unilaterali di Trump nei confronti del JCPOA, dell’UNESCO e dell’accordo climatico di Parigi saranno probabilmente seguite da altre azioni brusche sul palcoscenico internazionale.

La Norvegia, forse incoraggiata dalla sconvolgimento della sciabola anti-Russia del suo ex primo ministro, trasformato nel segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, sta violando i termini dell’accordo Svalbard del 1920. L’accordo garantisce l’accesso internazionale libero all’arcipelago Artico di Svalbard. La Norvegia ha iniziato a imporre illegalmente le normative norvegesi per i visti per le isole, che, nella maggior parte dei casi, sono destinate a tenere fuori i cittadini russi.

Nel minuto in cui Trump ha giurato in qualità di presidente, nuovi e lunghi focolai dormienti hanno iniziato a illuminarsi in tutto il mondo, dalla Rocca di Gibilterra e dall’Africa Caprivi alla frontiera Sikkim-Tibet e l’isola di Socotra del Mar Arabico. Come Trump si cala in ulteriore follia, molti di questi punti di incendio si accenderanno in conflitto. L’epoca di Trump sarà conosciuta nei libri di storia futuri come non solo la fine del “secolo americano”, ma come un momento in cui la mancanza di leadership e di impegno internazionale dell’ America immerse il mondo in un nichilismo basato sulla violenza.

 Strategic Culture

Traduzione: Alejandro Sanchez

Fonte:https://www.controinformazione.info/cala-il-sipario-finale-sul-secolo-americano/

Questa voce è stata pubblicata in Conflitti, Corea del Nord, Economia & Finanza, Politica, Stati Uniti, Wayne Madsen. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento