Dominio dei prestatori di denaro

Immagine correlata

„Oggi il nome «democrazia» è rimasto alle usurocrazie, o alle daneistocrazie, se preferite una parola accademicamente corretta, ma forse meno comprensibile, che significa: dominio dei prestatori di denaro.“da Valuta, lavoro e decadenze

  Ezra  Pound

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

L’Arte della Guerra – Flotta Usa con 1000 missili nel Mediterraneo (EN/SP/FR/DE/IT/PT)

Pubblicato in Conflitti, Manlio Dinucci, NATO, Stati Uniti, Video | Lascia un commento

GLI EUROPEISTI INVOCANO IL GOLPE- per salvare la Democrazia, ovvio – di Maurizio Blondet

Da quel che ho capito io, Mattarella non vuole i ministri che gli propone l’alleanza di governo. Dicono che continua  telefonare a Draghi per avere, diciamo, istruzioni o pareri: “Conti ti va?”.  Draghi: Per carità, e chi lo conosce. E’  incompetente. E’ un tecnico (i media ripetono: incompetente, troppo tecnico, ha falsato il suo curriculum)

 Risultati immagini per Paolo SavonaPaolo Savona

troppo competente.

Mattarella:  “Mi propongono Paolo Savona lo accetti? Draghi: “Di male in peggio, quello è troppo competente. E’ anche uno del sistema, quindi non possiamo attaccarlo come un barbaro invasore.  Ex direttore generale di Confindustria e ministro dell’Industria del governo Ciampi, lunghi anni a fianco di Guido Carli, che da ministro del Tesoro firmò per l’Italia il trattato di Maastricht. Sperimentato. La sa troppo lunga. Riuscirebbe a pilotare l’uscita concordata dall’euro. Sa come fare. Nelle trattative metterebbe in difficoltà Merkel e  Macron. No no, proprio no”.

 

I media strombazzano:  Paolo Savona è anti-euro, non va bene.  Ci vuole un ministro non critico dell’euro, altrimenti l’Europa si sente offesa. Altri spiegano: Paolo Savona è interno al Sistema, dunque in contraddizione col populismo. Bocciato.

Mattarella mette il veto.

Il presidente Mattarella si prende tempo. Continua a ricevere messaggi dalla cosiddetta Europa: “L’Italia  rispetti gli impegni”; “Presidente, non permetta che i  barbari distruggano lo splendido lavoro che abbiamo fatto a Bruxelles”.

Centocinquanta economisti tedeschi  firmano un documento  di fuoco in cui esigono che l’Italia esca dall’euro. Cosa che dimostra lo stato di confusione mentale in cui li abbiamo sprofondati: prima, quando l’opzione di uscita dall’euro era comparsa nella bozza Lega-M5S, tutti a strillare che è uno scandalo! E obbligano a cancellare quella opzione. Poi la stessa opzione compare con la firma di 150 economisti germanici, e va bene.

E Mattarella che fa? Aspetta. Aspetta che Salvini e Di Maio gli propongano i ministri giusti. Giusti  secondo gli europeisti e i media. Si capisce che sarebbe contento se Salvini e Di Maio gli proponessero: come presidente del  consiglio, vogliamo assolutamente Gentiloni. Come ministro dell’economia, scegliamo di nostra iniziativa, Padoan. Agli Esteri, Alfano. La Fedeli all’Istruzione… Continua a leggere

Pubblicato in Economia & Finanza, Euro, Europa, Italia, Maurizio Blondet, Neoliberismo, Sistema bancario | Lascia un commento

I nuovi padroni del mondo, i signori della rete e delle nuove tecnologie – di Roberto Pecchioli

Risultati immagini per nuove tecnologie informatiche

Dalla collaborazione tra le strutture di ricerca e di intelligence in sinergia con i migliori cervelli del pianeta, consacrata da apposite società di capitali miste con complessi incroci azionari, è esploso in pochi anni un mondo totalmente nuovo, quello della quarta rivoluzione industriale, i cui dominatori sono divenuti le aziende più capitalizzate del mondo, avendo superato giganti della “old economy” come le sette sorelle del petrolio. Google, nata come motore di ricerca, ribattezzata Alphabet per sottolineare che le sue attività spaziano in ogni lettera dell’alfabeto, è valutata in Borsa oltre 500 miliardi di euro, il doppio della petrolifera Exxon Mobil. Signori della rete, padroni del denaro, monopolisti della tecnologia e della tecnoscienze all’ombra degli “stati profondi” dell’apparato di controllo statunitense e, conseguentemente, del più potente esercito del pianeta. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, Conflitti, Corporation, Economia & Finanza, Poteri forti, Stati Uniti, Tecnica, Scienza e Medicina | Lascia un commento

Il successo dell’Euro…

Risultati immagini per citazioni mario monti

“Qual è la manifestazione più concreta del grande successo dell’Euro? La Grecia.“

Mario Monti

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

La Corea del Nord come la Libia?

Pubblicato in Conflitti, Corea del Nord, Stati Uniti | Lascia un commento

“Fake News”. Strategia della Tensione e terrorismo di Stato – di Enrica Perrucchietti

Risultati immagini per false flag

L’Occidente è precipitato in una nuova epoca di terrore:

il rischio della guerra globale, le fake news e la dittatura dei media

Archiviato il pericolo ISIS, grazie alla sconfitta delle truppe del Califfo in Siria, i nuovi nemici globali sono la Corea del Nord e l’Iran. L’elezione di Trump ha portato il mondo a dividersi in due blocchi, riproponendo una anacronistica Guerra Fredda e il rischio di un conflitto globale.

Gli attentati che infiammano l’Occidente non si fermano, spingendo le nazioni ad adottare misure estreme com’era successo agli USA all’indomani dell’11 Settembre.
Le stragi, apparentemente di matrice islamica, lasciano però una scia di anomalie e dubbi, di coincidenze inspiegabili o quanto meno ambigue, che riecheggiano la strategia delle false flags.
Enrica Perrucchietti aggiorna il suo bestseller e svela le nuove False Flag che minacciano la nostra libertà.
«Ad ogni tragedia il clima di isteria, sapientemente manipolato dai media, riesce a convincere l’opinione pubblica ad abdicare alla propria libertà per entirsi protetta dall’ennesimo spettro,
uno spettro costruito, ideato e alimentato da noi e che noi intendiamo ingenuamente combattere attraverso l’odio.». Continua a leggere

Pubblicato in Autori, False flag | Lascia un commento

COMINCIA UNA RIVOLUZIONE COLORATA CONTRO ORBAN? – di Maurizio Blondet

 

Comincia  la rivoluzione colorata contro Orban? Decine di migliaia di manifestanti sono sfilati a Budapest: “Vogliamo vivere in una vera  democrazia”, “in uno stato costituzionale”,  gli slogan, e cartelli con la scritta: “Victator”.

Risultati immagini per ORBANOrban e Soros

Interessante un altro slogan:”Siamo noi la maggioranza”. Sembra davvero una grossa   menzogna ,   praticamente a poche ore da che Victor Orban ha vinto le elezioni a schiacciante maggioranza,  133  seggi a Fidesz (il partito) sui  199  del parlamento; con una partecipazione al voto del 69 per cento in aumento dell’8  per  cento rispetto al 2014: e tutti i media a profetizzare che questo aumento dei votanti  avrebbe rafforzato le opposizioni. Strano, tanto più che gli osservatori internazionali   hanno ammesso che le operazioni  di voto sono state ”soddisfacenti”. Ma quelli che sfilavano chiedono il riconteggio dei voti.  Viene il sospetto che nei prossimi giorni,  “Siamo noi la maggioranza” diverrà  la verità – aiutando i  media, come hanno  aiutato a fa diventare verità  “ Assad gasa il suo popolo”  – e    Parigi e Bruxelles e Berlino  cominceranno a dichiarare che sì, hanno  le prove dei brogli: come Macron ha le prove degli attacchi chimici di Assad, prove subito confermate  da Mogherini e Tusk – per non parlare di Washington.

Vedremo nei prossimi giorni  se questo slogan “siamo noi la maggioranza” diverrà  l’atto di accusa  dell’occidente dei diritti, della democrazia e dell’intervento umanitario  contro il sovranista  Orban. Anche perché potrebbe trovare applicazione in Italia, dove la maggioranza elettorale  ai sovranisti   Lega e (meno) 5 Stelle  preoccupa  le centrali globaliste e eurocratiche  ancora di più  che  la piccola Ungheria. Continua a leggere

Pubblicato in Debito, Economia & Finanza, Maurizio Blondet, Rivoluzioni colorate, Ungheria | Lascia un commento

L’essere è, il nulla non è

Risultati immagini per Parmenide

“È necessario il dire e il pensare che l’essere sia: infatti l’essere è, il nulla non è: queste cose ti esorto a considerare. E dunque da questa prima via di ricerca ti tengo lontano, ma, poi, anche da quella su cui i mortali che nulla sanno vanno errando, uomini a due teste: infatti è l’incertezza che nei loro petti guida una dissennata mente. Costoro sono trascinati, sordi e ciechi ad un tempo, sbalorditi, razza di uomini senza giudizio, dai quali essere e non-essere sono considerati la medesima cosa e non la medesima cosa, e perciò di tutte le cosa c’è un cammino che è reversibile.“

Parmenide

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

Il mondo nuovo? – Pnt 8 – Il mercato si è impadronito della nuda vita – Diego Fusaro

L’intervento di Diego Fusaro al congresso “Nuove frontiere della biologia” svoltosi a Roma il 2 marzo scorso.

Pubblicato in "detto fuori dai denti", Deregolamentazione, Diego Fusaro, Economia & Finanza, Neoliberismo, Poteri forti, Privatizzazioni, Propaganda, Società, Tecnica, Scienza e Medicina, Video | Lascia un commento