Quello omosessuale è l’amore più puro

Risultati immagini per Umberto Veronesi

«Quello omosessuale è l’amore più puro, al contrario di quello eterosessuale, strumentale alla riproduzione.. .l’omosessualità è una scelta consapevole e più evoluta. L’amore omosessuale è quello più puro; in quello eterosessuale, invece, una persona direbbe «io ti amo non perché amo te, ma perché in te ho trovato la persona con cui fare un figlio. Nell’amore omosessuale invece non accade: si dicono “amo te perché mi sei vicino, il tuo pensiero, la tua sensibilità e i sentimenti sono più vicini ai miei”.

Umberto Veronesi

Pubblicato in "detto fuori dai denti" | Lascia un commento

“Chi sono i padroni del mondo”, il lato oscuro delle potenze democratiche nell’analisi di Noam Chomsky – di Irma Loredana Galgano

Chi sono i padroni dell’universo? Chi governa realmente il mondo? In quale modo e soprattutto perché lo fa? Domande che tutti si pongono e alle quali Noam Chomsky ha cercato di dare delle risposte in base agli accadimenti, ai fatti, alle azioni e alle reazioni dei singoli Stati ai piccoli e grandi eventi della Storia, passata e presente.

Risultati immagini per i padroni dell'universo

Uscito a ottobre per Ponte alle Grazie nella versione tradotta da Valentina Nicoli, Who rules the world? di Noam Chomsky perde il suo punto di domanda ma non lascia cadere gli interrogativi che cerca di risolvere e soprattutto quelli nuovi che crea nel lettore.

A partire dal secondo conflitto mondiale la bilancia pende «in modo spropositato» dalla parte degli Stati Uniti d’America. Sono loro a «imporre ancora le regole del discorso globale, dalla questione israelo-palestinese all’Iran, all’America Latina, alla “guerra al terrore”, al sistema economico internazionale […]». Ma i «padroni dell’universo» sono tutte le «potenze capitalistiche (i paesi del G7) e le istituzioni da loro controllate (il Fondo monetario internazionale e le varie organizzazioni mondiali del commercio)». Chomsky ne spiega in dettaglio i perché sottolineando come questi poteri in realtà «non rappresentano le popolazioni», neanche negli stati che si definiscono tra i più democratici. I cittadini hanno sempre poca voce in capitolo sulle scelte politiche e si cerca di dargliene sempre meno.

La maggioranza dei cittadini è di fatto esclusa dal sistema politico mentre «l’esigua fascia che si trova al vertice di quella scala esercita un’influenza straordinaria». Inoltre per Chomsky le politiche governative sono ampiamente prevedibili. Basta dare un’occhiata ai finanziamenti destinati alle campagne elettorali per realizzare quale sarà la direzione dei provvedimenti, interni e internazionali. Studi di ricercatori in Usa, i cui dati sono riportati nel testo, sembrerebbero ampiamente confermare queste affermazioni. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, Noam Chomsky, Poteri forti | Lascia un commento

Adottando l’Euro…

Risultati immagini per Paul Krugman

“Adottando l’Euro, l’Italia si è ridotta allo stato di una nazione del Terzo Mondo che deve prendere in prestito una moneta straniera, con tutti i danni che ciò implica…”
(Paul Krugman)

Pubblicato in "detto fuori dai denti", Paul Krugman | Lascia un commento

Riduzione della Popolazione Mondiale – Discorso all’ONU di David Rockefeller

Pubblicato in Controllo demografico, David Rockefeller, ONU, Poteri forti, Società, Video | Lascia un commento

Propaganda di guerra – di Michel Chossudovsky*

 Risultati immagini per Propaganda di guerra USA

 

I pianificatori militari del Pentagono sono profondamente consapevoli del ruolo centrale della propaganda di guerra. Per iniziativa del Pentagono, del Dipartimento di Stato e della CIA, è stata lanciata una campagna di terrore e di disinformazione. La plateale distorsione della verità e la sistematica manipolazione delle fonti di informazione sono parte integrante della pianificazione bellica. In seguito all’11/9, il Segretario della Difesa Donald Rumsfeld ha creato l’Office of Strategic Influence (OSI), ovvero l’”Ufficio della Disinformazione”, come è stato etichettato dai suoi critici: “Il Dipartimento della Difesa ha detto che avevano bisogno di farlo, e stavano realmente per impiantare storie che erano false in paesi stranieri – come sforzo per influenzare l’opinione pubblica mondiale.” (1) Ma, all’improvviso, l’OSI veniva formalmente sciolta sotto la spinta di pressioni politiche e di “fastidiosi” articoli dei media, “i cui scopi erano deliberatamente tendenziosi rispetto alla necessità di portare avanti gli interessi Americani.” Continua a leggere

Pubblicato in CIA, Conflitti, Documenti, Propaganda, Stati Uniti | Lascia un commento

I Neoconservatori e lo “Stato Profondo” hanno castrato la presidenza Trump, è finita gente!

Risultati immagini per Stato Profondo

Meno di un mese fa avevo messo in guardia sul fatto che negli Stati Uniti era in corso una rivoluzione colorata [in italiano]. Il mio primo elemento probatorio era stata la cosiddetta ”indagine” che CIA, FBI, NSA ed altri stavano conducendo sul candidato che avrebbe dovuto diventare il Consigliere alla Sicurezza Nazionale del Presidente Trump, il generale Flynn. Questa notte, il complotto per liberarsi di Flynn ha finalmente avuto successo e il generale Flynn ha offerto le sue dimissioni [in inglese]. Trump le ha accettate.

Mettiamo subito in chiaro una cosa: Flynn non era certo un santo o un uomo di tale saggezza da salvare il mondo con una mano sola. Non lo era. Però la figura di Flynn era la pietra angolare della politica di Trump sulla sicurezza nazionale. Per prima cosa, Flynn aveva osato l’impensabile: aveva osato dichiarare che l’ipertrofica comunità dell’intelligence americana doveva essere riformata. Aveva tentato anche di subordinare la CIA e gli Stati Maggiori Riuniti al Presidente attraverso il Consiglio per la Sicurezza Nazionale. In altre parole, Flynn aveva cercato di strappare l’autorità e il potere assoluto alla CIA e al Pentagono, per riportarlo sotto il controllo della Casa Bianca. Flynn voleva anche collaborare con la Russia. Non perché fosse un amante della Russia, il solo pensiero che il direttore della DIA sia un fan di Putin è ridicolo, ma Flynn era razionale e aveva capito che la Russia non costituisce nessuna minaccia per gli Stati Uniti o per l’Europa e che la Russia e l’Occidente hanno interessi in comune. Questo è un altro psicoreato assolutamente imperdonabile a Washington DC.

Lo “Stato Profondo” neoconservatore ha ora costretto Flynn alle dimissioni, con lo stupido pretesto di una sua conversazione telefonica, su una linea aperta, non sicura e sicuramente monitorata, con l’ambasciatore russo. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, Rivoluzioni colorate, Stati Uniti | Lascia un commento

Io credo ancora che l’America sia l’ultima e migliore speranza sulla terra

Risultati immagini per Barack Obama

“Il momento americano non è passato. Respingo quei cinici che dicono che questo nuovo secolo non possa essere un altro in cui, con le parole di Franklin Roosevelt, guideremo il mondo nella battaglia contro il male e nella promozione del bene. Io credo ancora che l’America sia l’ultima e migliore speranza sulla terra.“
 

Barack Obama

Pubblicato in "detto fuori dai denti", Barack Obama | Lascia un commento

Diego Fusaro: L’individuo privatizzato. Eremiti di massa e atomismo sociale

Pubblicato in "detto fuori dai denti", Autori, Economia & Finanza, Neoliberismo, Società, Video | Lascia un commento

Rapporto sui progressi della guerra USA-Russia – di Il Saker

Risultati immagini per guerra USA-Russia

Mi viene spesso chiesto se gli Stati Uniti e la Russia entreranno in guerra tra loro. Io rispondo sempre che sono già in guerra. Non una guerra come la Seconda Guerra Mondiale, ma comunque una guerra. Questa guerra è, almeno per il momento, per circa l’80% informativa, per il 15% economica e per il 5% cinetica. Ma in termini politici l’esito per il perdente di questa guerra non sarà meno drammatico del risultato della Seconda Guerra Mondiale per la Germania: il paese perdente non sopravvivrà, almeno non nella sua forma attuale: o la Russia diventerà di nuovo una colonia statunitense, o l’Impero Anglo-Sionista crollerà.

Nel mio primo articolo per Unz Review intitolato “La storia di due ordini mondiali” ho descritto il tipo di sistema internazionale multipolare regolato dallo Stato di Diritto che la Russia, la Cina e i loro alleati e amici (sia palesi che segreti) in tutto il mondo stanno cercando di costruire, e quanto fosse radicalmente diverso dalla singola Egemonia Mondiale che gli anglo-sionisti hanno tentato di stabilire sul mondo (e hanno quasi imposto con successo al nostro sofferente pianeta!). In un certo senso, i leader imperiali degli Stati Uniti hanno ragione [in inglese], la Russia rappresenta una minaccia esistenziale, non per gli Stati Uniti come paese o per il suo popolo, ma per l’Impero Anglo-Sionista, proprio come quest’ultimo rappresenta una minaccia esistenziale per la Russia. Inoltre, la Russia rappresenta una sfida di civiltà fondamentale per quello che viene normalmente chiamato “Occidente”, in quanto rifiuta apertamente i suoi valori post-Cristiani (e, vorrei aggiungere, anche visceralmente anti-Islamici). Questo è il motivo per cui entrambe le parti stanno facendo uno sforzo immenso per prevalere in questa lotta. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, Conflitti, Russia, Stati Uniti | Lascia un commento

Peggio del Datagate: i segreti della cripta (Vault 7), svelati da Wikileaks – di Arturo Di Corinto

Migliaia di documenti riservati della Cia su un come controllare le masse attraverso smart tv e telefonini. Ecco come funziona la logica del controllo totale

La rivelazione era attesa da diverse settimane. E la sua diffusione ha il potenziale di far detonare una guerra dell’informazione globale. Wikileaks ha diffuso migliaia di documenti riservati della Cia su un programma di sorveglianza totale attraverso un ‘arsenale’ di malware e di cyber-weapons a cui ci si riferisce come Vault 7, nome in codice per i piani alti di Langley, la sede centrale dell’intelligence americana.

Immagine correlata

Con questi strumenti di hackeraggio la Central Intelligence Agency americana sarebbe in grado di controllare le comunicazioni di aziende, cittadini e istituzioni, introducendosi in apparecchi di uso quotidiano come i telefoni Apple, Google, Microsoft, perfino i televisori Samsung, utilizzandoli come captatori informatici.
Non è una novità, dopo le rivelazioni di Edward Snowden e altri whistleblower: tutte le agenzie di intelligence usano e sviluppano in proprio strumenti di cyber-espionage, “Ma stavolta il clamore mediatico è tale da preoccupare anche le nonne che si sentiranno spiate quando accendono il televisore”, ci ha detto un ex membro di Hacking Team. Continua a leggere

Pubblicato in Autori, CIA, Documenti, Poteri forti, Propaganda, Stati Uniti | Lascia un commento